Leggimi!

Come la scrivo una poesia? e dove la trovo on line? dove la leggo?

In attesa di poter tornare a invadere gli spazi della città con poesie di carta e di parole, tante risorse on line per esercitarci e anche suggerimenti di lettura, i libri consigliati dai nostri volontari e i video e gli audio da ascoltare con un orecchio acerbo.

Nei tuoi occhi ricordo

Nei tuoi occhi ricordo le notti dell’estate, nere e senza luna, lungo il mare salato, e splendore di stelle dal cielo nero e basso. Antonio Machado

Piaceri semplici di agosto

Agosto.
Controtramonti di pesca e zucchero,
e il sole dentro la sera
come il nocciolo in un frutto.
La pannocchia conserva intatta
la sua risata gialla e dura.
Agosto.
I bambini mangiano
pane nero e luna piena.
Federico Garcia Lorca

La tranquilla certezza della felicità

Ride su me la primavera. Tornano
le rondini, si sa. Volano via
via le parole degli amici stolti.
Ritornano, per me, ora le antiche
parole dell’amore. In te, fanciullo,
splendono. Giuocano nei tuoi passi
incerti. Ma certa in me cammina
solitaria e tranquilla la felicità.

Paesaggio

Il campo
di ulivi
s’apre e si chiude
come un ventaglio.
Sull’oliveto
c’è un cielo schiacciato
e una scura pioggia
di astri freddi.
Giunco e penombra tremano
sulla riva del fiume.
Il vento grigio s’increspa.
Gli ulivi sono carichi di grida.
Uno stormo
di uccelli prigionieri,
che muovono le lunghissime code nell’ombra.
Federico Garcia Lorca
Poesia

Ci sono pittori che scrivono con le rime

Ci sono pittori che scrivono con le rime
e disegnano foreste entro cui
vanno a vivere con i loro amori.
Si contentano di un solo pensiero,
lo vestono di rubini e
credono che sia un re.
I poeti non credono alle date,
credono che la loro storia cominci
dalla presenza.

Per Giovanni Falcone

La mafia sbanda,
la mafia scolora
la mafia scommette,
la mafia giura
che l’esistenza non esiste,
che la cultura non c’è,
che l’uomo non è amico dell’uomo.
La mafia è il cavallo nero
dell’apocalisse che porta in sella
un relitto mortale,
la mafia accusa i suoi morti.
La mafia li commemora
con ciclopici funerali:
così è stato per te, Giovanni,
trsportato a braccia da quelli
che ti avevano ucciso.
Alda Merini

Giorno d’estate

Chi ha fatto il mondo?
Chi ha fatto il cigno e l’orso bruno?
Chi ha fatto la cavalletta?
Questa cavalletta, intendo, quella che è saltata fuori
dall’erba,
che sta mangiandomi lo zucchero in mano,
che muove le mandibole avanti e indietro invece che in su e in giù
e si guarda attorno con i suoi occhi enormi e complicati.
Ora solleva le zampine chiare e si pulisce il muso, con cura.
Ora apre le ali di scatto e vola via.
Non so esattamente che cosa sia una preghiera;
so prestare attenzione, so cadere nell’erba,
inginocchiarmi nell’erba,
so starmene beatamente in ozio, so andare a zonzo nei prati,
è quel che oggi ho fatto tutto il giorno.
Dimmi, che altro avrei dovuto fare?
Non è vero che tutto muore prima o poi, fin troppo presto?
Dimmi, che cosa pensi di fare
della tua unica vita, selvaggia e preziosa?

La bambina pugile

Certe mattine
al risveglio
c’è una bambina pugile
nello specchio,
i segni della lotta
sotto gli occhi
e agli angoli della bocca,
la ferocia della ferita
nello sguardo.
Ha lottato tutta la notte
con la notte,
un peso piuma
e un trasparente gigante
un macigno scagliato
verso l’alto
e un filo d’erba impassibile
che lo aspetta
a pugni alzati:
come sono soli gli adulti

Chandra Livia Candiani

Tienimi, al caldo

Tu tienimi
e io mi trasformerò in meraviglia
tra le tue mani,
al caldo,
quel caldo che di notte fa crescere il grano.
Porta
il corpo amato,
come vita segreta –
preservata –
sotto lo spesso ghiaccio
della memoria.
Tu tienimi
come guscio di noce
nel pugno
fessura tra i mondi.
C’è silenzio tra te e me
c’è perla.
Ti tengo.

Chandra Livia Candiani

Ti regalo questa luce

Ecco, guarda ti regalo questa
luce, dopo la pioggia,
luce lavata smarrita
in un mondo annegato…

Chandra Livia Candiani

Qui trovi poesie di…

Albert Camus Alda Merini Aleksandr Blok Antonio Machado caccia al tesoro Chandra Livia Candiani Federico Garcia Lorca Floriana Coppola Gianni Rodari laboratorio poesia dorsale poesie dei bambini Roberto Lamantea Sandro Penna Valentina Diana

Risorse e tutorial

In cerca di parole

Bambini al parco che leggono poesie e ne compongono di proprie: fantasia? No il risultato di una caccia al tesoro! ...
Leggi Tutto

Poesia dorsale

Il sentiero bambini nel bosco nati due voltePezzettino Forte come un orso Io cambierò il mondoIl segreto dell'infanzia viaggia verso ...
Leggi Tutto
/ News, poesia dorsale, Tutorial

Siti poetici

Certo, la cosa migliore sarebbe avere a disposizione una biblioteca di libri "veri", con tante meravigliose poesie stampate su carta, ...
Leggi Tutto
/ News, Risorse