In cerca di parole

  • by

Bambini al parco che leggono poesie e ne compongono di proprie: fantasia? No il risultato di una caccia al tesoro!

Come la organizzo una caccia al tesoro poetica?

Le cacce al tesoro, si sa, hanno alcune proprie regole da rispettare perché siano riconosciute tali e come tali giocate e partecipate:

  1. Ci devono essere degli indizi, altrimenti chi cerca non sa dove andare
  2. I luoghi dove cercare devono essere facilmente accessibili, non gli oggetti nascosti, che invece vanno puntualmente nascosti allo sguardo
  3. Ci deve essere un vincitore. Possibilmente un premio, ma comunque un vincitore

Venerdì 18 settembre 2020 abbiamo organizzato uno degli eventi che avremmo voluto portare a scuola lo scorso 21 marzo. La caccia al tesoro poetica si è svolta all’interno dell’iniziativa La villa del gioco e delle idee, con il sostegno della Regione Lazio. Tutte le immagini dell’iniziativa dei laboratori di scienza, lettura, poesia, le trovati qui, sulla pagina social dell’associazione

Ingredienti

  1. 10 o più poesie da poeti e poetesse di vario stile e natura: vanno bene poesie in rima, poesie ermetiche, poesie lunghe e complesse, purché contengano almeno una parola difficile da usare come tremore, splendore, conchiglia, viandante
  2. Tante parole tratte dalle poesie su etichette o ritagliate da nascondere in giro, mescolate tra loro, non tutte insieme
  3. Tre o quattro indizi, possibilmente in rima, per individuare il luogo in cui sono nascoste le parole da trovare
  4. Poche regole chiare sul come vincere: cerca le parole, trova le poesie che ne contengono almeno 3 di quelle trovate, scrivi nuove poesie usando almeno 5 parole di quelle trovate per aumentare il tuo punteggio

Come si fa?

  • Scegli almeno 5 parole da ogni poesia
  • Nascondile nei luoghi degli indizi
  • Leggi ai bambini le poesie e lasciale a disposizione perché possano leggerle di nuovo (noi le abbiamo appese all’albero)
  • Appena una squadra riconosce tre parole trovate in una poesia ne diventa proprietario, vince chi ne ha di più. Per questo a un certo punto tutti si mettono a scrivere: se vuoi ribaltare il risultato della caccia devi scrivere nuove poesie con le parole trovate.

Ha vinto una squadra, una squadra ha perso, qualche bambino ci è rimasto male ma le poesie erano così belle che a scrivere il suo nome sotto il testo si è sentito subito meglio!